LOADING...

Bakkt potrebbe non essere il Big Bang che i Cryptos stavano aspettando

Lo stesso vale per la religione. La ragione, credo, è semplice. C’è solo il fatto che sono stati creati dagli umani, e lo stesso vale per la Bibbia. Poi, a marzo, le persone che avevano familiarità con la questione hanno riferito al Wall Street Journal che la CFTC aveva delle preoccupazioni sulle pratiche di custodia di Bakkt. Le grandi quantità di materia oscura previste dal Big Bang genererebbero forze gravitazionali che frulleranno le galassie a centinaia di km al secondo. La quantità sufficiente per fermare l’espansione avrebbe un valore omega di 1.

In una sintesi, il team ha affermato che i loro modelli non sono sufficientemente limitati dai dati pubblici esterni per escludere la possibilità di emissione di polvere abbastanza luminosa da spiegare l’intero segnale in eccesso ”, come affermato da altri scienziati che hanno messo in dubbio le loro conclusioni. La squadra era guidata dall’astrofisico John Kovac di Harvard. Il team ha affermato di aver identificato le onde gravitazionali che apparentemente si sono increspate nello spazio subito dopo il Big Bang.

Tipico degli scambi digitali in tutto il mondo, il supporto è spesso tardivo su LocalBitcoin. L’idea che l’universo si sta espandendo si basa su un’ipotesi che potrebbe essere falsa. Per quanto riguarda l’universo, ciò che vedi è ciò che c’è. Si è espanso e raffreddato da quell’evento iniziale. Forse l’Universo in cui viviamo oggi si è evoluto da uno stato più denso molto tempo fa.

Se una teoria continua ad essere supportata e difesa alla luce di dati osservativi chiari e diretti che la confutano, allora non possiamo prevedere nulla nella scienza, diventa inutile. Esiste un’altra teoria della cosmologia chiamata Plasma Cosmology, introdotta da Hannes Alfven, un premio Nobel svedese e padre della moderna fisica del plasma. Sia l’evoluzione darwiniana che la cosmologia del big bang sono diventate credenze religiose. Inoltre, la teoria presuppone che un tale universo sia dominato dalla sola gravità. La teoria del Big Bang ipotizza che l’universo sia nato con una distribuzione della materia quasi perfettamente omogenea e che le strutture si siano gradualmente costruite dalle stelle alle galassie per raggrupparsi in superammassi. Nella sua forma attuale, predice che la maggior parte della materia nell’universo è materia oscura, a differenza di qualsiasi altra trovata sulla terra. Prevede inequivocabilmente alcune quantità di elementi luminosi, tra cui litio, elio e deuterio, che devono essere prodotte nell’esplosione che si ipotizza abbia iniziato l’universo.

Chissà quale potrebbe essere il vero caso o meno. Le prove per la teoria del big bang ricadono in tre categorie generali. C’è ancora un’indagine in corso per vedere se alcune regole sono state violate.